Le più comuni cause di danni

Il rischio di danni accidentali o ambientali e la vulnerabilità ad acqua, fuoco e furto sono intrinseci a ogni oggetto di valore.

L’assicurazione esiste proprio per porre rimedio al peggio, nel caso il peggio accada. Ma c’è qualche azione costruttiva che è possibile implementare per ridurre al minimo la probabilità di un danno. La prima cosa da fare per prendersi cura delle opere d’arte e di qualsiasi bene personale particolarmente prezioso è di custodirlo in condizioni ottimali.

Noi di AXA ART vantiamo oltre 50 anni di esperienza sul come prendersi cura al meglio e in ogni situazione dei vari tipi di oggetti preziosi. Perciò, nonostante ogni caso sia unico e diverso da tutti gli altri, la seguente guida elenca le buone pratiche che tutti dovrebbero attuare per godere serenamente dei propri oggetti di valore.

Acqua

Inondazioni, tubature rotte o condotte che straripano: l’acqua è una delle cause più frequenti di danni e perdite patrimoniali.

  • Pertanto, ti consigliamo di pulire tutte le condotte una volta all’anno (o più spesso se la tua abitazione è nelle vicinanze di alberi).
  • Fai verificare e manutenere a cadenza regolare le tubature e il sistema di riscaldamento.
  • Chiudi l’acqua e svuota le cisterne se l’abitazione non è abitata durante l’inverno.
  • Ispeziona le cisterne d’acqua a cadenza regolare per verificare che non vi siano segni di ruggine o vetustà. Una perdita nel tetto può causare danni devastanti agli oggetti d’arte e agli elementi d’arredo di tutti i piani della casa.
  • Quando piove incessantemente, le condutture delle fognature e quelle dell’acqua potabile si sovraccaricano, e questo potrebbe causare una risalita delle acque nere all’interno della tua abitazione. Puoi evitare questo inconveniente installando valvole di ritegno sui tubi di scarico.
  • Non buttare l’olio da cucina nel lavello, perché potrebbe creare un riflusso d’acqua.

Incendio

Fuoco e fumo possono avere effetti devastanti su persone, edifici, oggetti e collezioni.

  • Conserva i documenti importanti e i tuoi tesori fotografici in un contenitori ignifugo.
  • Non lasciare mai accesi candele o fuochi senza sorveglianza. Verifica i caminetti prima dell’inverno per accertarti che i comignoli non siano intasati.
  • In cucina (soprattutto se dotata di fornelli a gas) tieni sempre un estintore e delle coperte per spegnere gli incendi.
  • Valuta la possibilità di far installare porte antincendio per isolare le aree ad alto rischio.
  • Dato che gli impianti elettrici si deteriorano, il materiale elettrico e i circuiti dovrebbero essere ispezionati periodicamente per individuare eventuali segni di sovraccarico, rischio di cortocircuito o incendio, nonché una inadeguata messa a terra o dei collegamenti errati.
  • In caso di incendio, pensa prima di tutto alla tua incolumità ed evacua l’abitazione per evitare qualsiasi pericolo. Quando lasci la casa, chiudi le porte, ma non a chiave. Il fumo può arrecare gravi danni alla tua collezione.

Furto

Se sospetti un’intrusione nella tua abitazione, non prendere iniziative, ma chiama immediatamente la polizia.

  • Metti la tua sicurezza al primo posto e, se possibile, evacua l’abitazione per evitare di incorrere in pericoli.
  • I ladri d’appartamento saranno meno inclini a prendere di mira la tua abitazione se sembra essere occupata, anche solo da animali domestici, come ad esempio un cane.
  • Quando lasci vuota la tua abitazione, usa dei timer per spegnere e accendere le luci.
  • Dota di apposite serrature a chiave tutte le finestre accessibili. Valuta l’opportunità di installare sbarre e griglie interne alle finestre del seminterrato.
  • Tieni un inventario dettagliato delle tue opere d’arte, completo di foto. Se qualcuna di esse dovesse essere rubata o persa, questo tipo di documenti sarà essenziale per ritrovarle.

Danni accidentali

Nonostante la maggior parte dei danni accidentali non possa essere prevista, una corretta pulizia della casa può spesso contribuire a ridurre le perdite.

  • Avvisa i domestici o il personale di servizio dell’eventuale fragilità di alcune opere d’arte, o se richiedono una pulizia specializzata oppure se non devono essere toccate. (Spruzzare uno spray per i vetri su una foto non protetta da vetro può essere disastroso, come anche spolverare stampe fotografiche).
  • Pensa attentamente a dove sistemare le opere d’arte fragili. Cerca di non posizionare le ceramiche nei pressi di scalinate o in punti dove potrebbero essere urtate.
  • Non annaffiare eccessivamente le piante collocate sui mobili.
  • Se stai effettuando dei lavori in casa, sposta le opere d’arte fragili o vulnerabili dalla zona di lavoro e dai percorsi che vi conducono. Un trapano che cade può facilmente forare o strappare un dipinto.

Prevenzione e consulenza

Negli ultimi anni AXA ART ha investito e fatto numerose ricerche sul modo migliore di gestire l’immagazzinamento, l’esposizione e la sicurezza dei preziosi e delle opere d’arte fragili.

A partire da questa ricerca ti raccomandiamo poche semplici azioni che puoi implementare per proteggere i tuoi oggetti da collezione dagli effetti più dannosi dell’invecchiamento e del deterioramento.

Ti ricordiamo che queste sono solo linee guida generiche. Per consigli più specifici, ti consigliamo di consultare sempre un conservatore professionista. Se necessiti di ulteriori informazioni su temi specifici legati alla conservazione preventiva e attiva, i periti d’arte di AXA ART saranno lieti di aiutarti.

Opere su carta e fotografia

  • Accertati che ci sia abbastanza spazio fra l’opera, la cornice e il vetro.
  • Non esporla alla luce diretta del sole, poiché i danni causati dalla luce sono irreversibili.
  • Se possibile, utilizza un vetro con filtro UV ed esponi le opere a rotazione.
  • Maneggia le fotografie con le mani pulite o indossando dei guanti per evitare di lasciarvi residui che possono rovinarle in modo permanente, come oli e sali.
  • Il sostegno e il supporto dovrebbero sempre essere costituiti da materiali da conservazione pregiati che non causano danni alle opere (ad esempio, carta e tavole prive di acidi).
  • Per la pulizia del vetro, usa un panno morbido.
  • Non spruzzare mai un agente detergente direttamente sul vetro, poiché potrebbe colare all’interno della cornice.

Opere su tela e legno

  • Evita la luce diretta del sole e utilizza vetro laminato con un assorbitore UV.
  • Tieni i dipinti fotosensibili in un ambiente poco illuminato, ma non al di sotto dei 5 LUX, così da evitare che alcuni tipi di pittura antica scuriscano o si deteriorino.
  • Se illumini i dipinti con faretti e lampade da quadro, usa esclusivamente lampadine che non si riscaldano, come i LED.
  • Fai pulire i quadri esclusivamente da esperti. La polvere che si posa sulle superfici deve essere rimossa con un pennello sottile e morbidissimo.
  • Evita di toccare i dipinti con le dita (gli oli naturali della pelle possono danneggiare l’opera).
  • Evita l’uso di pesticidi, spray per ambienti o per mobili nelle vicinanze delle opere d’arte.
  • Evita di conservare i dipinti in scantinati, garage o soffitte a meno che non sia possibile regolarne l’umidità.

Vetro e ceramica

  • Gli oggetti in vetro e ceramica sono fragili e possono fessurarsi o rompersi se urtati. Solleva gli oggetti con entrambe le mani e non dai manici o dai beccucci, che potrebbero non essere sicuri.
  • Quando impili gli oggetti per conservarli, metti un cuscino o un materiale morbido fra un pezzo e l’altro.
  • Non conservare né esporre le opere in luoghi soggetti a cambiamenti di temperatura repentini o estremi.
  • Fai attenzione quando usi dei panni per la pulizia delle superfici, perché potrebbero lacerare o grattare le superfici o le decorazioni non ben fissate.

Oggetti di plastica

  • Quando gli oggetti di plastica invecchiano, solitamente appaiono più solidi di quanto non siano realmente. Maneggiali con attenzione.
  • Non esporre mai un oggetto di plastica alla luce diretta del sole. Con il tempo, la luce UV fa diventare gli oggetti più fragili.
  • Metti sempre gli oggetti di plastica in una stanza con un clima bilanciato e scarsa umidità. Anche un po’ di umidità può causare danni permanenti.
  • Riponi gli oggetti di plastica al riparo dalla luce. Gli oggetti gonfiabili si conservano meglio se gonfiati.
  • Non attaccare etichette sugli oggetti di plastica poiché gli adesivi contengono plastificanti che migrano nella plastica.

Mobili

  • Non posizionare i mobili d’antiquariato direttamente sul riscaldamento a pavimento.
  • Per evitare che i mobili si essicchino, usa un umidificatore oppure metti un bicchiere d’acqua all’interno di un armadietto o di un cassetto.
  • Evita di esporre gli oggetti alla luce diretta del sole poiché potrebbero scolorire o rimpicciolirsi.
  • Verifica a intervalli regolari che non vi siano tracce di tarli. Se sotto il mobile noti una polverina giallo senape, potrebbe trattarsi di un segno di infestazione.
  • Isola immediatamente i mobili infestati. Sigillali in un sacco capiente e portali da uno specialista per sottoporli a un trattamento disinfestante.
  • Una volta l’anno, rivesti i tuoi mobili con pasta di cera per “nutrirli” e lucidarli.
  • Per la pulizia di routine, spolvera i mobili a secco con un panno morbido.
  • Evita gli sbalzi di temperatura affinché le cerniere dei mobili d’antiquariato non si allentino.

Gioielli

  • Metti sempre i tuoi gioielli in cassaforte dopo averli indossati.
  • Esamina periodicamente le condizioni di ogni singolo pezzo. Verifica che non ci siano griffe aperte nelle incastonature e, per collane di perle e perline, accertati che i fili non siano usurati.
  • Fai riparare tutti i danni o piccoli problemi riscontrati; basta una griffe aperta per perdere un diamante.
  • Sottoponi i tuoi gioielli a pulizia professionale. Conserva tutte le ricevute d’acquisto in un’unica cartellina.
  • Fai valutare i tuoi gioielli periodicamente, poiché sia il valore di mercato sia i costi di sostituzione possono variare notevolmente.
  • Fai revisionare periodicamente i tuoi orologi.

Sculture di bronzo

  • Ricorda sempre che la parte più delicata del bronzo è la sua patina.
  • Per la pulizia, usa una spazzola morbida o un piumino.
  • Per una pulizia più approfondita usa un sapone naturale con acqua e un panno morbido.
  • Strofina la superficie fino a pulirla, asciuga con un panno e poi esponi la scultura all’aria aperta quando è completamente asciutta.
  • Non usare mai nessun detergente abrasivo o solvente, poiché possono rimuovere la patina e graffiare le superfici.
  • Se la scultura va cerata, in genere puoi usare una cera leggera per mobili.

Libri

  • Conserva i libri al riparo della luce diretta del sole per evitare che la carta e il dorso scoloriscano.
  • Spolvera i libri periodicamente. Cerca di mantenere umidità e temperatura della stanza costanti e fai arieggiare regolarmente.
  • Maneggia i libri con attenzione quando li prendi dalle mensole.
  • Prendili dal dorso e tira il libro verso di te dal suo punto più distante.
  • Non ammassare i libri troppo vicini gli uni agli altri, altrimenti le copertine si danneggiano nel prenderli dalla mensola.
  • Non cercare di riparare i libri da solo, poiché potresti peggiorare il danno.
  • Per quanto sia possibile, cerca di mantenere la temperatura della stanza fra i 16 e i 19 °C e l’umidità fra il 45% e il 60%.

Vino

  • Conserva tutti i vini al riparo dalla luce, in particolare dalla luce diretta e da quella fluorescente. I raggi UV possono attraversare anche le bottiglie scure, conferendo al vino un odore sgradevole.
  • Riponi le bottiglie con il tappo di sughero e distese. Se le riponi in piedi, i tappi di sughero finiranno per essiccarsi permettendo all’aria di penetrare, il che rovinerà il contenuto.
  • Conservare le bottiglie con il lato dell’etichetta rivolto verso l’alto rende più facile individuare il sedimento.
  • Cerca di mantenere una temperatura costante. Per un invecchiamento prolungato (oltre un anno), solitamente è necessario un ambiente refrigerato. Anche una cantina non è abbastanza fresca.
  • La temperatura di conservazione non dovrebbe mai superare i 24°C per troppo tempo, altrimenti il vino si ossiderà.
  • La temperatura ideale per una collezione di vini di vario tipo è 12,2°C. Tale temperatura non dovrebbe mai subire variazioni superiori a 1,6°C al giorno e 2,7°C all’anno (specialmente nel caso dei vini rossi, che sono più sensibili ai problemi legati alla temperatura).
  • Non spostare il vino. Se possibile, conserva le bottiglie in un luogo in cui non verranno toccate. Le vibrazioni causate dal traffico intenso, dai motori o dai generatori potrebbe alterare il vino.
  • Mantieni l’umidità al 60 - 75 %. Dato che il vino “respira” non dovrebbe mai essere conservato vicino a qualcosa che abbia un forte odore, poiché potrebbe penetrare nel tappo in sughero e contaminare il vino.

Monete

  • Le monete dovrebbero sempre essere maneggiate con le mai pulite o coperte da guanti morbidi in cotone o latex.
  • Maneggia sempre le monete su una superficie morbida per proteggerle in caso di caduta accidentale.
  • Tieni sempre le monete dal bordo, fra il pollice e l’indice. Le impronte e gli oli naturali della pelle possono essere corrosivi e lasciare segni indelebili.
  • Non usare mai detergenti per metallo. Pulire le monete può ridurne significativamente il valore.
  • Le monete vanno riposte in un luogo fresco e asciutto. Gli sbalzi di temperatura e l’umidità possono favorirne l’ossidazione, che causa la svalutazione delle monete.
  • Valuta l’opportunità di conservare le collezioni più ampie o di valore in una cassaforte o in una cassetta di sicurezza.
  • Quando possibile, tieni le monete nei loro contenitori originali.
  • Le monete commemorative e i set di epoca moderna devono essere acquistati e rivenduti nelle loro scatole e capsule originali.
  • I tubi di plastica sono l’ideale per i rotoli di monete. I contenitori in plastica dura trasparenti su due lati sono i migliori.

Come possiamo aiutarti?